Primi passi per i ragazzi di “Giroparchi Nature Trail 2017”

Un po' di emozione, tanto entusiasmo e molta curiosità: erano queste le sensazioni dei 20 ragazzi dagli 11 ai 14 anni, partiti oggi alle 10.30 da Thumel alla volta del Rifugio Benevolo, prima tappa di “Giroparchi Nature Trail”, il trekking naturalistico in lingua inglese nelle valli valdostane del Parco Nazionale Gran Paradiso ideato e organizzato da Fondation Gran Paradis, in collaborazione con l’Assessorato dell'Agricoltura e risorse naturali della Regione autonoma Valle d'Aosta e con il supporto del Parco Nazionale Gran Paradiso.

Giunto alla quinta edizione, “Giroparchi Nature Trail” propone ai giovani partecipanti un'esperienza a tutto tondo per imparare l'inglese (le attività sono svolte esclusivamente in lingua) e per scoprire la biodiversità e le meraviglie del primo Parco Nazionale d'Italia con l'accompagnamento di una guida naturalistica, di un insegnante madrelingua inglese e di un animatore di Fondation Grand Paradis.

È un'edizione “a tutto Parco” quella del 2017, non solo per il contesto in cui si svolge, la splendida Valle di Rhêmes, ma anche per il tema del trekking, la professione del guardaparco. Un argomento affascinante, scelto per celebrare insieme ai giovani il Settantesimo anniversario della nascita del Corpo di Sorveglianza del Parco Nazionale Gran Paradiso.

Dopo la prima notte al Rifugio Benevolo, domani mattina il gruppo percorrerà l'anello del Truc Tsanteleina svolgendo un approfondimento su “Il controllo del turismo e l’educazione ambientale”, attività svolta nell'ambito della terza edizione di “Giovani in vetta” coordinata da ALPARC (la Rete delle Aree Protette Alpine), cui “Giroparchi Nature Trail” ha aderito.

Mercoledì si entrerà nel vivo del tema del trekking. Il gruppo si sposterà infatti verso il casotto di Vaudalettaz (a 2.480 m. slm), dove avrà luogo il primo incontro con il Corpo di Sorveglianza del Parco Nazionale Gran Paradiso. Per i giovani trekkers sarà l'occasione per parlare con i guardaparco di attività, orari, organizzazione di questa professione unica nel suo genere, che impegna dall'alba al tramonto, sempre a contatto con la natura. Dopo questo confronto sicuramente ricco di suggestioni, i ragazzi, scenderanno al Thumel, raggiungendo Chanavey per il pernottamento.

I giorni successivi saranno dedicati alla visita di altri due casotti: giovedì quello di Sort, a   2.294 metri, dove i ragazzi potranno scoprire e conoscere, insieme ai guardaparco, gli strumenti di lavoro, binocolo, radio ricetrasmittente... e anche i loro “colleghi” a quattro zampe, cani appositamente addestrati per dare supporto nell'attività di monitoraggio della fauna e di contrasto al bracconaggio. Il viaggio a piedi nella valle di Rhêmes si chiuderà venerdì, quando i ragazzi partiranno alla volta del casotto di Pechoud a 2.055 metri, cornice del terzo e ultimo incontro con i guardaparco, con cui i ragazzi si confronteranno sulle attività di gestione del territorio e sulla funzione dell’area protetta. L'avventura si concluderà alle ore 16 al Centro Visitatori di Rhêmes-Notre-Dame in località Chanavey, dove il gruppo si riunirà in compagnia dei genitori e dello staff per una merenda e potrà rivivere le emozioni della settimana grazie alla proiezione di un video dei momenti più suggestivi del trekking.

Le stesse emozioni potranno essere vissute da altri 20 ragazzi in occasione del secondo turno di “Giroparchi Nature Trail”, in programma dal 28 agosto al 1° settembre 2017e che si snoderà sullo stesso percorso di questo primo turno, ma al contrario, con il medesimo programma e tema.

“Giroparchi Nature Trail” è anche su Twitter (@Giroparchi) e su Facebook, canali social in cui sarà possibile seguire giorno per giorno le avventure e le scoperte dei ragazzi sulla professione del guardaparco, sulla natura incontaminata della Valle di Rhêmes e, ovviamente, “last but not least” sui loro progressi in inglese!