L'alta quota è rosa

 L'alta quota è rosa  - 6/8 agosto 2013

Ascesa italo-russa del Gran Paradiso tutta al femminile

 

Un omaggio al legame, tanto tenace quanto storicamente dibattuto, fra sesso femminile e dimensione verticale: questo è lo spirito dell’iniziativa proposta dall’Assessorato al Turismo della Regione Autonoma Valle d’Aosta, da Fondation Grand Paradis, da Grivel e dalla rivista Risk, che si coronerà con l’ascesa-evento del Gran Paradiso ad opera di sei alpiniste, valdostane e russe, fra il 6 e l’8 agosto 2013. La scalata collettiva celebrerà ciò che la montagna simboleggia - tensione verso l’infinito, audacia, solidarietà e senso di libertà – attraverso la prospettiva delle scalatrici, un’élite tuttora minoritaria nel mondo dei ‘climbers’ a forte tinte maschili. Eredi delle pioniere dell’Ottocento, idealmente sorelle di Nives Meroi e delle fuoriclasse internazionali della disciplina, le atlete valdostane e russe mostreranno con il loro gesto che la montagna è per tutti.

Eloise Barbieri, Roberta Vittorangeli, Anna Torretta: questo il trio di valdostane, accomunate dalla passione per la roccia e per il ghiaccio, che salirà ai 4061 metri dell’unico massiccio interamente italiano, il Gran Paradiso, insieme a Svetlana Smaykina, Natalia Priletskaya e Olga Gorodetskaya, membri del FAR, la maggiore associazione alpinistica russa. Tre cordate binazionali, dunque, interpreteranno l’ascesa seguendo linee distinte: la via normale, il ghiacciaio della Tribolazione e la cresta nord. S’incontreranno in cima, suggellando il rapporto d’amicizia fra Valle d’Aosta e Russia, il vasto vicino europeo rivelatosi estimatore delle ricchezza naturalistiche e della versatilità degli outdoors regionali. Sulla cresta del Gran Paradiso le alpiniste porteranno l’immagine di Giroparchi, la nuova rete di trekking naturalistici che attraversa i parchi valdostani, il Parco Nazionale Gran Paradiso e il Parco naturale Mont Avic, che si conferma una forte attrattiva per gli stranieri. Saranno le protagoniste stesse a percorrere, prima dell’ascesa-evento, un tratto di questo nuovo navigatore della natura protetta, trascorrendo alcuni giorni fra gli scenari lacustri del Mont Avic e le gemme faunistiche e floristiche del Gran Paradiso.

Mercoledì 7 Agosto Barbieri, viaggiatrice con esperienza delle quote estreme, seguirà la via normale, dosando il passo al ritmo della contemplazione, secondo quell’approccio radicale che l’ha condotta ad abbandonare il mondo della finanza per ritrovarsi sui sentieri montani. Vittorangeli, prima guida alpina valdostana, medico anestesista e membro dell’elisoccorso, profonda conoscitrice dell’equilibrio psico-fisico necessario per affrontare la dimensione verticale, traccerà la via lungo il ghiacciaio della Tribolazione. Torretta, campionessa internazionale di cascatismo, architetto e guida alpina, si cimenterà con la via più ardua, la cresta nord, simboleggiando l’approccio dell’alpinismo classico.

L’evento sarà seguito in tempo reale, con immagini ed istantanee dell’orizzonte glaciale. Durante la conferenza stampa di chiusura, al Rifugio Tetras Lyre di Valsavarenche, le compagne di cordata si scambieranno il Piolet d’Or Grivel, impreziosito con dedica personale. Il gesto di amicizia internazionale si intreccerà al messaggio lanciato alle donne di ogni età e provenienza, affinché rompano gli indugi e raggiungano il cerchio della ‘quota rosa’.      

Leggi l'articolo su www.risk.ru

La community dedicata all'evento sul sito www.risk.ru.

Guarda il servizio sul TGR

Le alpiniste partecipanti:

Alpiniste russe

Svetlana Smaikina

Profilo

Olga Gorodezskaia

Profilo

Natalia Prilepskaia

Profilo

 

Alpiniste italiane

Anna Torretta

leggi l'articolo   Profilo

Roberta Vittorangeli

Profilo

Eloise Barbieri

Profilo

 

 Avviso:

Le previsioni meteo per la giornata di mercoledì 7 agosto, hanno obbligato gli organizzatori a modificare la spedizione delle sei donne alpiniste al Gran Paradiso, che dovevano raggiungere la cima percorrendo vie differenti.

 A causa della pioggia, Eloise Barbieri, Anna Torretta e Roberta Vittorangeli, che avrebbero dovuto accompagnare tre giovani atlete russe in vetta al Gran Paradiso, hanno dovuto annullare questa mattina la spedizione all’unico quattromila italiano, prevista nell’ambito dell’evento L’alta QUOTA è ROSA – donne e montagna, organizzata da Assessorato regionale al turismo, dalla Fondation Grand Paradis e dalla Società Grivel per avvicinare il pubblico femminile italiano e straniero al mondo dell’alta montagna.

E’ stata inoltre annullata la cerimonia di consegna e scambio del Piolet d’or tra le sei alpiniste prevista al rifugio Tètras Lyre di Valsavarenche nel tardo pomeriggio di oggi.

La spedizione “rosa” per il momento è stata riprogrammata per sabato 10 agosto.