Scrutare la montagna e le sue bellezze nascoste

Si è conclusa questa settimana, sul teBinocolo di Gimillianrritorio del Parco Nazionale Gran Paradiso e del Parco naturale Mont Avic, l'installazione degli ultimi 8 binocoli panoramici Giroparchi.

Un'iniziativa che arricchisce questo angolo di natura permettendo una fruizione sempre più completa del territorio: boschi incontaminati, vette e pareti imponenti, pascoli di alta quota, potranno essere scoperti grazie a questi moderni strumenti.

In totale sono 14 i telescopi binoculari posizionati. Dopo le prime sei installazioni si sono aggiunte per il Parco Nazionale Gran Paradiso quelle di Cogne (Gimillan e Mont Tseuc), Valsavarenche (località Pont), mentre per il parco naturale Monte Avic quelle di Champorcher (Rifugio Misérin, Rifugio Dondena, Ristoro Muffé) e di Champdepraz (Praz Oursie e Rifugio Barbustel).

Alla base di ogni binocolo, uno skyline inciso su una lastra in pietra di Luserna indica le principali montagne visibili nello spettro di 180°. Si tratta di apparecchi in acciaio inox dotati di ottica waterproof 10x50 con un campo visivo di 6,5° (114m/1000m), rotazione di 360° e angolo di rotazione sopra e sotto l'orizzonte di 40°.

"Siamo convinti che iniziative come questa valorizzino il territorio, con la proposta di servizi che sono segno di attenzione verso chi frequenta le Terre Alte." - ha commentato Vittorio Stefano Anglesio, Presidente di Fondation Grand Paradis - "Le attività che negli anni abbiamo portato avanti con il progetto Giroparchi sono state portatrici di valore aggiunto per il turista, ma anche per il cittadino, e dimostrano il nostro impegno verso una riscoperta a 360 gradi dei nostri Parchi e della nostre montagne".

L’iniziativa è realizzata nell’ambito del progetto Giroparchi (PAR FAS Valle d’Aosta 2007/13) che persegue l'obiettivo di creare un percorso di scoperta delle aree parco del Gran Paradiso e del Mont Avic, valorizzandone la vocazione al turismo naturalistico e culturale e promuovendo l'integrazione e lo sviluppo delle attività economiche connesse al turismo sostenibile.

La fotogallery